« Tutti gli articoli della categoria 30 giorni di Milan

Maggio: Il caos dopo la tempesta

Del 30/05/2014 di Donato Boccadifuoco


Maggio: Il caos dopo la tempesta Ancora qualche ora ed anche il mese di maggio uscirà di scena in favore di un giugno pronto a riaccendere nuovamente la nostra passione calcistica in vista dei prossimi Mondiali brasiliani. La stagione del Milan è terminata con un misero ottavo posto, ma il peggio, quasi certamente, deve ancora venire.

La fine del campionato, ed il tristissimo ottavo posto in classifica, ha ufficialmente decretato ciò che la maggior parte di noi tifosi rossoneri aveva paventato negli scorsi mesi: il Milan si è lentamente trasformato in una  medio-piccola.  Non è semplicemente l’infima piazza finale a consegnarci questa consapevolezza, quanto piuttosto l’operato di una società che non smette mai di sorprenderci in negativo. Andiamo con ordine però…

 

Il mese inizia nel migliore dei modi grazie alla vittoria per 1 a 0 nel derby contro i cugini nerazzurri. Un’inzuccata ravvicinata di Nigel De Jong permette infatti al Diavolo di tornare al successo nella stracittadina; un successo che mancava da oltre 3 anni, ovvero dai tempi del 3 a 0 che di fatto cucì nelle nostre maglie il 18^ scudetto (gran bei tempi!). 

 

Nonostante una lenta e costante risalita in classifica, ecco giungere sempre più veementi le voci di uno spogliatoio e di una dirigenza che mal sopporterebbe l’operato del tecnico Clarence Sedoorf. 7 giorni dopo i rossoneri danno formalmente l’addio all’Europa a causa della sconfitta esterna sul campo dell’Atalanta per 2 a 1 maturata all’ultimissimo minuto regolamentare. Giorno 18 il Milan gioca la sua ultima partita stagionale contro un Sassuolo già salvo e con ancora qualche flebile possibilità di agguantare la sesta piazza finale. Pronti via ed è subito un buon Milan a portarsi in vantaggio di 2 reti. Nel secondo tempo la musica cambia e le notizie che arrivano dagli altri campi (Parma e Firenze), tagliano le gambe ai rossoneri che nel finale incassano su rigore il goal del definitivo 2 a 1. 

 

Considerato quanto accaduto al Parma in questi giorni, il Milan ha di che mangiarsi le mani visto che sarebbe bastato vincere con 3 goal di scarto l’ultima partita per coronare una rincorsa europea che avrebbe parzialmente restituito dignità ad una stagione pessima sotto tutti i punti di vista. 

 

Il giorno seguente viene ufficialmente inaugurata “Casa Milan”, forse l’unico motivo di orgoglio degli ultimi mesi. Eppure qualcosa torna a metterci tristezza: la presunta lite tra Bonera ed Amelia è l’ennesimo episodio controverso della stagione e l’ennesimo sputtanamento (passateci il termine) a ragion veduta della stampa nei nostri confronti. 

 

C’era una volta il Milan delle vittorie trionfali, dei Paolo Maldini, dei Franco Baresi, dei Savicevic, degli Shevchenko…C’è adesso il Milan dei SiamoAppostoCosì, degli UltraCompetitivi, dei parametri zero, dei prestiti con diritto di riscatto delle Balotellate, delle tensioni, delle umiliazioni, degli esoneri, dei disastri! 

 

Nel frattempo prende sempre più piede la clamorosa ipotesi di un esonero di Clarence Seedorf. Una notizia ancora da ufficializzare ma ormai praticamente scontata. Il tecnico olandese, che contando esclusivamente il girone di ritorno ha portato il Milan al quarto posto, paga probabilmente alcuni spavaldi atteggiamenti  mal sopportati da dirigenti e spogliatoio o almeno questo è quello che ci si vuole far credere. A nostro modesto parere l’ex numero 10 rossonero ha svolto più che bene il suo lavoro ed avrebbe certamente meritato un trattamento più dignitoso e se ha veramente affermato “3/4 dei nostri giocatori sono delle pippe”, non possiamo che dargli ragione. 

 

Dopo le voci su un possibile approdo del tecnico del Siviglia, Unai Emery, ci sono ormai pochissimi dubbi su chi sarà il prossimo allenatore del Milan. Proprio lui, l’eroe di Atene: Filippo Inzaghi. Non fraintendeteci: vogliamo un bene dell’anima a Super Pippo per l’attaccamento alla nostra maglia mostrato in ogni occasione, c’è da chiedersi però se la scelta di virare su un tecnico che recentemente ha affermato : “Farò quello che la società mi dirà di fare”, non sia semplicemente la volontà di Adriano Galliani e company di tornare a comandare anche dentro il campo rifilandoci chissà quanti altri bidoni in perfetto stile Matri. Il buon vecchio Clarence questo non lo avrebbe mai permesso, con l’avvento d’Inzaghi, scusateci se lo affermiamo, probabilmente succederà.

 

Inoltre, non si può certo dire che il Milan non sia grato in eterno ai propri giocatori. Christian Abbiati, recordman di presenze per un portiere rossonero, ha rinnovato il proprio contratto per un altro anno. Un meritato applauso al “Cacciatore del Sole” per la sua straordinaria carriera, ma siamo certi che questo ennesimo rinnovo contrattuale non sia solamente la classica scusa per non spendere. Come dite? Abbiamo preso Agazzi? Tralasciando il fatto che sia stato ovviamente acquistato a parametro zero, vi rispondiamo così: “Agazzi Chiiiiiiiii?”.

 

Altri elementi apparentemente inspiegabili che stanno conducendo il Milan verso una situazione che definire caotica sarebbe un eufemismo, riguardano la gestione dei costi del prossimo mercato. Se è vero che il Milan si trova in una situazione di ristrettezza economica, com’è possibile che sia disposto a buttare al vento i 10 milioni di euro che costerebbero l’esonero di Seedorf. Ed ancora: perché si continuano a fare offerte al limite del ridicolo per Rami (3,8 milioni…ma stiamo scherzando!) e non si sta trattando il riscatto di Taarabt quando invece ci tocca leggere sui giornali i possibili acquisti di Cerci o Iturbe (valutazione di base 20 milioni). Dinanzi a questi accadimenti non possiamo che dubitare fortemente dinanzi alla sedicente povertà delle casse rossonere.   

 

Si dice che dopo la tempesta arrivi la quiete, eppure dopo la pioggia incessante che ha oscurato per mesi il cielo rossonero, siamo pronti a scommettere nell’avvento del caos più totale. Auguriamo a Filippo Inzaghi di riuscire a portare un paio di raggi di sole, ma l’impresa, ahinoi, ci sembra davvero ardua. 

 

 

Donato Boccadifuoco

(Foto articolo: Zimbio - Laurence Griffiths/Getty Images Sport)
Commenta l'articolo
(L'indirizzo e-mail non verrà visualizzato)

Dichiaro di accettare e aver preso atto dell'informativa resa sul trattamento dei miei dati personali



Tutti gli articoli di Donato Boccadifuoco
Follia pura
Del 12 Aprile 2016
A 6 giornate dal termine della stagione, clamoroso ribaltone sulla panchina del Milan: fuori Mihajlovic, dentro Brocchi. Scelta folle!
Infelici e contenti
Del 03 Marzo 2016
A 11 partite dalla fine del campionato, il Milan può ancora ambire al terzo posto finale e ha conquistato la finale di Coppa Italia. La strada verso la piena ricostruzione è ancora lunga, ma c´è di che essere contenti.
6 politico
Del 09 Febbraio 2016
Il pareggio interno per 1-1 maturato nello scorso turno di campionato contro l´Udinese, riaccende gli interrogativi sui reali obiettivi del Milan per questa stagione.
4 punti (di sutura)
Del 05 Gennaio 2016
Con i "se" ed i "ma" non si fa certamente la storia, sarebbe però curioso provare ad ipotizzare come sarebbero cambiati i giudizi su questa prima parte di stagione del Milan con i 4 punti persi contro Carpi e Verona...
Milan, il listone di mercato
Del 22 Giugno 2015
Nel tentativo di tirarci, e tirarvi, su di morale, vi proponiamo una nostra personalissima lista di mercato con giocatori che il Milan dovrebbe provare a seguire per rinforzare la propria rosa.
Scommettiamo Con Donato Per... Atalanta - Milan: parola d'ordine "dignità", segno 2
Del 30 Maggio 2015
Ultimo "giorno di scuola" per Atalanta e Milan che si sfideranno questa sera allo stadio Atleti Azzurri d´Italia a partire dalle ore 20.45
Scommettiamo con Donato per... Sassuolo - Milan: match alla portata dei rossoneri, segno 2
Del 17 Maggio 2015
Per l´anticipo domenicale in campo alle 12.30 Sassuolo e Milan. Per i bookmaker rossoneri leggermente favoriti
SCOMMETTIAMO CON DONATO PER... MILAN - GENOA: MATCH DA TRIPLA, CONSIGLIAMO L´OVER 2.5
Del 29 Aprile 2015
Questa sera a San Siro si giocherà Milan - Genoa, ecco i nostri consigli per le vostre scommesse sportive...
SCOMMETTIAMO CON DONATO PER... PALERMO - MILAN: UN PO´ DI OTTIMISMO, SEGNO 2
Del 04 Aprile 2015
Questo pomeriggio Palermo - Milan. Riuscirà la squadra di Inzaghi a centrare finalmente il secondo successo consecutivo? Per noi, sì
SCOMMETTIAMO CON DONATO PER... FIORENTINA - MILAN: A TUTTO OVER
Del 16 Marzo 2015
In un campionato sempre più livellato verso il basso, il Milan questa sera a Firenze avrà la ghiottissima opportunità di avvicinare i piani alti della classifica. Pensate che con i 3 punti, il Diavolo tornerebbe addirittura a -8 dal terzo posto.
Cerca