« Tutti gli articoli della categoria Campioni Rossoneri

Pietro Paolo Virdis

Del 19/01/2012 di Enrico Bonifazi


Pietro Paolo Virdis In carriera ha vinto tre scudetti, una Coppa Italia, una supercoppa italiana, una Coppa dei Campioni (Milan, 1989). E' stato capocannoniere della serie A nel campionato 1986-87

Molte persone attribuiscono alla fortuna , sotto le mentite spoglie di nebbia al Maracanà di Belgrado , l'inizio dell'epopea rossonera dell'ultimo ventennio . Altre al fatto che , in quegli anni , le squadre inglesi non partecipavano alle competizioni europee . Chi tesse le lodi di Gullit e chi di Arrigo Sacchi . Per mettere tutti d'accordo ho io la risposta : Pietro Paolo Virdis . Una pedina fondamentale nella scacchiera del Milan .Attaccante e professionista serio dalla testa a 24 carati , Virdis viene acquistato dai rossoneri nell'estate del 1984 all'età di 27 anni . La sua carriera , è fatta di alti e bassi con la “gavetta” a Cagliari e Nuoro , il grande rifiuto alla Juventus prima di vestire la maglia bianconera dopo una lunghissima e misteriosa trattativa , la parentesi friulana ad Udine e la consacrazione definitiva nel Milan . Con l'inglese Mark Hateley forma una coppia formidabile nel gioco aereo . Ogni cosa che sorvola l'area (palloni , mosche , elicotteri ecc.) viene catturata dalle loro fronti . Il rifornimento di traversoni dalle fasce è affidato a Chicco Evani che ripaga la fiducia con precisione millimetrica . Attila gonfia la rete in campionato mentre Virdis segna un gol a partita in Coppa Uefa e trascina il Milan alla finale in Coppa Italia (purtroppo persa contro la Sampdoria) . E' una stagione positiva e , a tratti , esaltante . Purtroppo il presidente Farina con una scelta molto discutibile , offre un contratto allo “spremuto” Paolo Rossi . Proprio quel Pablito che costò a Pietro Paolo , la riconferma nella Juventus . Virdis , dai capelli argentati e la fronte d'oro viene spesso lasciato in panchina per l'ormai “sterile” eroe del Mundial di Spagna e durante il campionato 1985-86 segna soltanto sei reti . La svolta arriva con la presidenza di Berlusconi che intende dar vita ad un grande progetto . Arrivano giocatori importanti e Virdis prende a segnare gol a raffica che gli valgono il titolo di capocannoniere della serie A . Il Milan tuttavia disputa una stagione altalenante e soltanto grazie al match di spareggio contro la Samp , stacca il pass per partecipare alla Coppa Uefa . La rete decisiva , in quel caso , la segna Daniele Massaro . Viene facile attribuire tutto il merito all'eroe di una partita così importante ma non è giusto dimenticare i 17 gol in 28 partite dell 'Aquila dalla testa bianca (come lo ha ribattezzato Pellegatti) . Ad onor del vero poi , i gol furono 18 . Già , perchè il bomber sardo aveva fatto appena in tempo a segnare una rete al Ferraris di Genova prima che l'arbiro D'Elia  ( infortunatosi ) sospendesse l'incontro sull' 1 a 1 vanificando il tabellino del match . Poco male . Durante l'estate 1987 arrivano Gullit , Van Basten e Ancelotti e si inizia a respirare aria di grandi imprese . Marco Van Basten è costretto a fermarsi per un problema alla caviglia e questo rende il bomber sardo il punto di riferimento offensivo della squadra diretta dal neoallenatore del Milan Arrigo Sacchi . Virdis si esalta anche in quel campionato segnando in quasi tutte le sfide importanti.  Con una rimonta eccezionale , il Milan riesce a raggiungere e sorpassare il Napoli , nello scontro diretto giocato al San paolo a due giornate dalla fine , grazie ad una prestazione di altissimo livello nella quale Virdis con una doppietta , risulta decisivo . Al fischio finale il punteggio è di 3 a 2 per la squadra di Sacchi ma la matematica certezza del titolo è ancora lontana .  Bisogna aspettare fino all'ultima di campionato quando un pareggio sul campo del Como , consegna lo scudetto ai rossoneri ponendo la prima grande pietra sul muro della gloria che seguirà . Finisce uno a uno e il gol “dello scudetto”  lo segna proprio lui con un bel diagonale da fuori area . L'entusiasmo è altissimo per un titolo che viene dopo anni difficili per il Milan , a causa delle retrocessioni e per il recente rischio di fallimento e ha senz'altro un valore maggiore rispetto ai due scudetti vinti dall'attaccante con la vecchia signora .
Il primato in Italia dà molta fiducia alla squadra di Sacchi che si tuffa nell'avventura in Coppa dei Campioni contro i modesti bulgari del Vitosha Sofia in trasferta . La prima perla è di Virdis che nelle coppe europee trova sempre grandi motivazioni . Gullit raddoppia per il 2 a 0 finale . La differenza tra le due squadre è abissale e il Milan sommerge gli avversari al ritorno vincendo 5 a 2 al Meazza . Anche in questo match , Virdis non manca di “timbrare” il cartellino , segnando la rete del 4 a 1 . Ed eccoci al momento più importante , il vero crocevia che indirizza verso gli inferi o tra le nuvolette del paradiso . A Milano si gioca l'andata degli ottavi di finale contro la Stella Rossa . Per molti conta soltanto la partita di ritorno e se dovessero fare un gioco di associazioni alla parola Belgrado collegano ancora solamente nebbia ! La qualificazione invece parte da San Siro , dove un Milan un po' impacciato passa in svantaggio per effetto della rete segnata da Dragan Stojkovic . Sono in pochi a ricordare che San Pietro Paolo , dopo appena mezzo minuto insacca la rete del pareggio in un incontro del tipo “menomalecheabbiamopareggiatosubitoaltrimenti...” .  Quel che accade al ritorno è storia ben nota , con la ripetizione del match sospeso per scarsa visibilità , giocato il pomeriggio successivo e vinto dal Milan meritatamente anche se solo ai calci di rigore . Da quel momento la camminata è trionfale . Werder Brema e Real Madrid vengono divorate come antipasto prima del dolcissimo dessert rappresentato dalla Steaua di Bucarest , spazzata via con un netto 4 a 0 in finale . E' trionfo nella massima competizione europea .  Di queste partite , Virdis , gioca qualche frammento . Il gregario ha trascinato il gruppo per lasciare  agli altri la volata . Lo sport di squadra è anche questo . La passerella in finale gliela concede mister Sacchi anche se il gol (che meriterebbe) non arriva per questione di centimetri . Al termine del campionato , Pietro Paolo Virdis , saluta compagni e tifosi . Passa al Lecce dove terminerà la carriera . Al Milan ha lasciato il cuore e i tifosi lo ricordano ancora come uno dei grandi . Dopo questo racconto , le tracce dell'aquila dalla testa bianca , avranno illuminato chi continua a parlare del Milan di Gullit e Van Basten e dei tanti , tantissimi campioni , per aiutarli a ricordare che quello squadrone era anche di Virdis , uno che la testa la usava fuori e dentro il campo , un rigorista praticamente infallibile che nei momenti importanti ha lasciato il segno indelebile di chi resterà per sempre nella storia .

Enrico Bonifazi

fonte foto: Aicfoto

Commenta l'articolo
(L'indirizzo e-mail non verrà visualizzato)

Dichiaro di accettare e aver preso atto dell'informativa resa sul trattamento dei miei dati personali



Tutti gli articoli di Enrico Bonifazi
AMARCORD JUVENTUS-MILAN
Del 09 Marzo 2017
I rossoneri, in serie positiva da cinque partite, tornano a Torino, nello Juventus Stadium teatro di molte delusioni. Riviviamo insieme le pi├╣ belle emozioni rossonere del passato contro la vecchia signora.
MILAN-CHIEVO (AMARCORD)
Del 04 Marzo 2017
Torna a Milano il Chievo Verona. Contro la squadra della diga le statistiche sono ottime con 12 vittorie rossonere su 14 confronti a San Siro.
AMARCORD: Sassuolo-Milan
Del 25 Febbraio 2017
Si torna ad affrontare il Sassuolo, al Mapei Stadium, in una sfida che ha visto il Milan sempre sconfitto.
Amarcord MILAN vs FIORENTINA
Del 18 Febbraio 2017
Sarà spareggio per l'Europa contro i viola e contro il tabù di una sola vittoria nelle ultime cinque partite in questa sfida.
Amarcord LAZIO-MILAN
Del 12 Febbraio 2017
La vittoria di Bologna ha "sfasciato" la difesa ma ravvivato la scintilla europea. Fare risultato all'Olimpico ├Ę difficile ma non impossibile se si guardano i precedenti.
MILAN vs SAMPDORIA (Amarcord -i precedenti-)
Del 04 Febbraio 2017
Dopo la brutta e beffarda scivolata di Udine, Montella riparte dal suo passato. A San Siro arriva la Sampdoria, squadra nella quale ├Ę stato protagonista in campo e sulla panchina.
Udinese-Milan (AMARCORD)
Del 28 Gennaio 2017
Continua la rincorsa all'Europa del Milan di Montella. Prossima tappa: Udine, prato fertile dove germogli├▓ calcisticamente Maldini.
MILAN-NAPOLI (Amarcord)
Del 21 Gennaio 2017
Una sfida storica va in scena a San Siro. Milan-Napoli non ├Ę solo Maradona-Van Basten ma una rivalit├á che supera i confini del rettangolo di gioco.
Amarcord TORINO-MILAN
Del 15 Gennaio 2017
Dopo la bella e sofferta vittoria di gioved├Č, Torino e Milan si affrontano nuovamente nella cornice del campionato. Tradizione moderatamente favorevole per il diavolo, a Torino coi granata.
AMARCORD MILAN vs CAGLIARI
Del 07 Gennaio 2017
Dopo il trionfo sulla Juve a Doha, si torna a San Siro contro un Cagliari che a Milano ha sempre raccolto pochissimo.
Cerca