« Tutti gli articoli della categoria Editoriali

Sara' un buon 2017?

Del 06/01/2017 di Damiano Caprioli


Sara' un buon 2017? Dopo un anno passato tra mille delusioni (l'esonero di Mihajlovic, il Milan dei brocchi e di Brocchi, le varie pippe di mercato, i tanti rinnovi senza senso, Raiola che batte cassa, commissioni, closing slittati di vari mesi, pessime figure in campo), noi tifosi ci aspettiamo un anno quasi da Milan.

In realtà non tutto il 2016 è stato da buttare: il Milan di Montella qualcosa di buono lo sta mostrando. Tanti giovani che stanno crescendo e si stanno affermando (Locatelli, Donnarumma, Suso, Romagnoli), le panchine a quei giocatori che non meriterebbero nemmeno di indossare la maglia del Milan (Poli, Honda, Vangioni,Sosa), le panchine temporanee a quei giocatori che potrebbero dare di più (Bacca e Niang), il rilancio di alcuni giocatori (Bertolacci e Suso) e soprattutto la vittoria di SuperCoppa contro la Juve.

Devo ammettere che dieci anni fa non avrei nemmeno esultato per una vittoria in quella che consideravo una semplice coppetta estiva, eppure il 23 Dicembre, dopo il rigore segnato da Pasalic, ho scaricato gioia e dolore covato per 5 anni in un unico urlo liberatorio, che è risuonato nella palazzina in cui abito, e che è terminato con un pianto. Dopo tanto tempo siamo ritornati il Milan, anche se solo per una notte.

Ora viene il difficile, perchè questo ennesimo mercato avaro, miserabile, indisponente, priverà Montella di quelle risorse che potrebbero puntellare e migliorare una squadra buona impostata molto bene. Il fatto di avere circa 12-13 giocatori affidabili alla fine si farà sentire. Certo, non abbiamo coppe europee, però la rosa non è nè numericamente, nè qualitativamente adatta per affrontare il rush finale contro squadre più quotate come Roma, Napoli ed Inter. Non si devono poi dimenticare Torino e Lazio, che stanno disputando un ottimo campionato, e la Fiorentina, che pur essendo dietro è sempre una rivale potenzialmente pericolosa. Juventus e Roma sono di un'altra categoria. 

Domenica ritornerà il campionato, e la squadra di Montella dovrà ribaltare la statistica che vede il Milan post-panettone sempre perdente o comunque in difficoltà. L'avversario è sulla carta uno potenzialmente poco ostico: fuori dalla lotta retrocessione, lontano dalle zone europee, una difesa non molto solida... L'unico risultato accettabile?

Vittoria.

Damiano Caprioli

Commenta l'articolo
(L'indirizzo e-mail non verrà visualizzato)

Dichiaro di accettare e aver preso atto dell'informativa resa sul trattamento dei miei dati personali



Tutti gli articoli di Damiano Caprioli
Tanta voglia di Milan
Del 21 Aprile 2017
Una settimana che resterà nella storia
Sic Transit Gloria Mondi
Del 14 Aprile 2017
dopo 31 anni il Milan non è più di Berlusconi ( e Galliani)
The China Study
Del 31 Marzo 2017
La telenovela closing sta volgendo al fine, oppure ci sarà l’ennesimo colpo di scena?
Arrivata la caparra della caparra!
Del 24 Marzo 2017
Slitta lo slittamento dello slittamento del precedente slittamento del closing
La rabbia e l’orgoglio
Del 17 Marzo 2017
Dopo la partita contro la Juve restano due sentimenti contraddistinti: la rabbia per aver perso per un rigore “abbastanza” generoso, l’orgoglio nel vedere i nostri giocatori tenere alla maglia del Milan.
Closing?
Del 10 Marzo 2017
Oggi non voglio parlare di closing, tutta questa vicenda mi ha già ampiamente rotto le p... ehm... stancato.
Una presa per i fondelli
Del 03 Marzo 2017
Per questioni di censura uso un eufemismo più elegante del senso intrinseco che porta il messaggio.
Quanta sofferenza
Del 24 Febbraio 2017
Cambiano i tempi, cambiano le ambizioni, cambiano le aspettative, cambiano le prospettive, cambiano i metri di giudizio, cambiano i metri di paragone...
Verso il closing
Del 17 Febbraio 2017
Oramai i tifosi milanisti non aspettano altro
Vittoria di Pirro
Del 10 Febbraio 2017
La vittoria contro il Bologna mi ha fatto esultare, ma ora purtroppo occorre contare vittime e sopravissuti.
Cerca