« Tutti gli articoli della categoria Il Taciturno

Tutta colpa degli arbitri, ora Miha rischia!

Del 22/12/2015 di Irene Benedetti


Tutta colpa degli arbitri, ora Miha rischia! Disastro Milan, dai probabili sei punti da acquisire il passivo si è ridotto a due e domenica Miha si gioca la permanenza.

Sinisa Mihajlovic e Silvio Berlusconi, un matrimonio che pareva sereno fatto a suon di battute e screzi nascosti dall’ironia che contraddistingue i due ma alla fine tra Frosinone e Roma, il tecnico serbo si gioca la permanenza in rossonero e questa volta come non mai servirà un regalo di Natale sotto l’albero per consentire di passare delle feste serene, accogliere il rientro di Boateng e provare a sfidare alla ripresa una Roma che a Napoli ha dato segni di ripresa. Non sarà facile! Intanto, i cugini interisti portano a + 4 il distacco sulle inseguitrici e la Juventus partita in netta difficoltà rispetto ai rossoneri rientra nei piani scudetto, distaccata solo sei lunghezze dalla capolista.  La partita con il Verona ha mostrato il solito Milan, privo di una punta centrale in grado di fare gol e ricco di giocatori poco utili alla causa, su tutti Montolivo, uscito tra i fischi del pubblico. De Jong,  che sembrava dovesse spaccare il mondo dopo tanta panchina ha pensato di travolgere in area avversaria Grieco, venendo espulso e danneggiando i compagni con relativo rigore contro e pareggio scaligero. In mezzo i torti arbitrali evidenziati nel dopogara da Mihajlovic ma appellarsi solo agli episodi è riduttivo. Bonaventura prova a fare il Kakà ma è troppo solo, Bacca in un Milan odierno sarebbe un Tomasson più completo mentre Luiz Adriano ha spirito d’applicazione notevole ma segna poco. Niang sulla fascia ha preso il posto di Cerci e può starci solo che deve iniziare a giocare a testa alta mentre in difesa tolti Romagnoli, Donnarumma e Alex rimangono i soliti problemi con i terzini che non spingono e neppure si vedono come nel caso di De Sciglio, eterna promessa ma che rischia alla quarta stagione da titolare di essere un nuovo Bonera: il classico giocatore che non migliora mai! Ora dare tutte le colpe a Mihajlovic in virtù di una rosa così scarsa mi sembrerebbe riduttiva nonostante continui l’ottimismo degli addetti ai lavori rossoneri e di chi dirige a livello comunicativo il club (televisivamente parlando).

La verità è una sola: siamo allo sbando. Questo Milan è entrato nella mentalità di una squadra da provinciale, non siamo sicuramente più tra le prime tre del panorama nazionale, dati alla mano dicono che da tre anni  i rossoneri non hanno giocatori in grado di risollevare il gioco e di accendere la fantasia dei tifosi. I 90 mln di euro concessi da Berlusconi al socio Galliani sono stati spesi male con giocatori pagati più del reale valore quanto ai rossoneri serviva una vera rifondazione iniziando a cedere coloro che hanno dimostrato di non essere da Milan partendo dal capitano Montolivo. Proprio lui rappresenta una delle note più deludendi di questo Milan. Doveva crescere in continuità, approdare in una grande e dimostrare il suo vero valore, ma la personalità è simile al gemello Pazzini passato al Verona, mi spiace, ma non ci siamo, questo Milan non può permettersi di aspettare e mentre il pseudo acquirente thailandese cerca i soldi per aiutare la famiglia Berlusconi, la squadra in campo si allontana dall’Europa che conta e se a gennaio non arriveranno i giusti innesti vedremo squadre come il Sassuolo davanti ai rossoneri e magari qualche sorpresa di turno che sulle ali dell’entusiasmo tiene a fare bella figura più di quanto facciano gli attuali giocatori rossoneri.Sicuro caro presidente che sia tutta colpa del solo Mihajlovic?

 

Source Photo De Jong: Valerio Pennicino/Getty Images Europe

 

Commenta l'articolo
(L'indirizzo e-mail non verrà visualizzato)

Dichiaro di accettare e aver preso atto dell'informativa resa sul trattamento dei miei dati personali



Tutti gli articoli di Irene Benedetti
A Natale puoi!Montella osa.
Del 27 Dicembre 2016
Vincenzo Montella dalla critica a prendersi il Milan con un pugno di mosche.
Steinar Nilsen
Del 17 Dicembre 2016
Dall'isola dell'aurora boreale alla maglia rossonera, il norvegese Steinar Nilsen in rossonero non ha proprio lasciato il segno, nonostante un temperamento mica da ridere sfoggiato nelle altre piazze e in un bar in Norvegia. Ma i tifosi con più memoria lo ricorderanno come autore della punizione del 5-0 in un memorabile derby di Coppa Italia nella (decisamente meno memorabile) stagione 1997-1998.
La storia della maglia rossonera
Del 16 Dicembre 2016
Storia della maglia.
All'Olimpico per il secondo posto
Del 06 Dicembre 2016
Con la Roma in campo Bonaventura, c'è anche Mati Fernandez.
Verso Empoli - Milan
Del 26 Novembre 2016
Al Castellani la vittoria per il diavolo manca da diverse stagioni.
Conservare per poi affondare
Del 25 Novembre 2016
Il Milan di Montella dovrà pensare a mantenere la propria posizione per poi affondare il colpo perfezionando la rosa attuale.
MILAN vs INTER (AMARCORD)
Del 19 Novembre 2016
Un Milan convinto e in ottima forma si appresta ad affrontare il derby contro l'Inter. Nella storia di questa partita, essere favoriti è sempre stata una complicazione.
Il bicchiere mezzo pieno
Del 04 Novembre 2016
Il closing è sempre più vicino, l´aria sta cambiando ed il bicchiere non può che essere mezzo pieno.
Giovani e rossoneri
Del 01 Novembre 2016
Ormai non ci sono più dubbi, il nuovo Milan è targato giovani e rossoneri dalla nascita!
Dalle stelle alle stelle: Milan ora mostra quanto vali
Del 29 Ottobre 2016
Dall'atmosfera sognante seguita al successo contro al Juve, fino al ritorno sulla terra dopo la sconfitta di Genoa. Ora il Milan affronta il Pescara per trovare la propria dimensione
Cerca