« Tutti gli articoli della categoria Indiavolato

Ce l'ho con: outlet e saldi di fine stagione

Del 19/08/2013 di Donato Boccadifuoco


Ce l'ho con: outlet e saldi di fine stagione Domani inizia ufficialmente la nuova stagione rossonera con un appuntamento assolutamente da non fallire. Il Milan sarĂ  riuscito a rinforzarsi abbastanza per poter sperare di essere competitivo in Italia ed in Europa? No!

Mancano solamente 14 giorni al termine della sessione estiva di calciomercato e non si può certo dire che i massimi dirigenti del Milan abbiano utilizzato nel migliore dei modi i giorni che hanno preceduto questa data in chiave mercato in entrata. Gli abilissimi sceneggiatori di Via Turati, non paghi di quanto realizzato la scorsa estate, hanno sviluppato negli ultimi mesi alcuni intrecci degni delle peggiori soap opere brasiliane degli anni ’90 pur di provare a concentrare l’attenzione mediatica altrove, piuttosto che verso una necessaria campagna rafforzamenti. Insignificanti e di cattivo gusto, a tal proposito, sono state le vicende legate ai tormentoni estivi recanti i nomi di Massimiliano Allegri e Robinho

 

La decisione di riconfermare il tecnico livornese è passata attraverso le diffidenze di molti e gli innumerevoli incontri rinviati dal presidente Silvio Berluconi. L’esito era oltremodo scontato (non avrebbero mai silurato Allegri e pagato un nuovo allenatore), ma tutto ciò ha (volontariamente a mio parere) ritardato l’entrata in scena del Milan nel mercato. È chiaro che una campagna rafforzamenti passi necessariamente dalla volontà del mister, così fino a quando Allegri è stato in discussione non si è potuto operare in alcun modo. A dire la verità la normale logica calcistica imporrebbe l’affermazione precedente, ma il Milan di questi tempi tende a ridisegnare i canonici paradigmi del gioco del calcio: prova ne è che il nostro allenatore non è neanche libero di scegliere il modulo tattico con cui schierare la squadra, visto che Allegri, eterno sostenitore del 4-3-3, ha ricevuto dall’alto l’ordine di giocare con il 4-3-1-2 nella prossima stagione

 

Altro indisponente tormentone ha riguardato l’attaccante Robinho: giocatore che da mesi cerca di tornare in patria, ma che improvvisamente si è innamorato nuovamente dei colori rossoneri. Il Santos aveva messo sul piatto un’offerta di 3 milioni di euro che avrebbe permesso al Milan di prendere Carlos Tevez reinvestendo tale cifra ed aggiungendo altri 9 milioni. Il diktat Gallianese secondo il quale “se non parte nessuno non arriva nessuno”, ha così condannato ulteriormente il Milan ad un immobilismo cosmico e frustrante visto dalla parte dei tifosi. La domanda però sorge spontanea: non compreremo più terzini sinistri, centrocampisti e/o attaccanti perché i vari Antonini, Boateng e Robinho non interessano a nessun club?

 

Detto ciò veniamo alla spinosa questione economica. Vorrei che qualcuno di voi rispondesse a queste due semplici domande: 1) Perché una squadra come il Milan si trova a dover fare mercato con un budget da neopromossa? 2) Gli introiti del club (diritti televisivi, competizioni, sponsor, risparmi sugli ingaggi, etc …) in quali tasche sono andati a finire

 

Nella scorsa stagione il mercato estivo mediocre è stato giustificato con la necessità di ripianare interamente il debito di bilancio, obiettivo che il Milan ha pienamente raggiunto; ma perché mai in questa stagione il Milan sia costretto ad elemosinare giocatori a destra ed a sinistra rimane ancora un mistero. Sarà forse colpa del famigerato Fair Play Finanziario? Quella stessa indicazione che solo il Milan pare rispettare mentre tutte le altre big d’Europa ignorano fortemente?. Che sia chiaro una volta per tutte, il FPF non ha alcun senso di esistere quando i proprietari dei club sono comunque liberi di versare i propri milioni ad uno sponsor che in pratica glielo ritorna sotto forma di denaro da spendere. Ad ogni modo ci tengo a precisare che l’amarezza del tifoso medio non sta solo nel non vedere più quel Milan che riusciva a prendere molti dei migliori giocatori al mondo, ma nel constatare quanto la reputazione e la forza economica del club stia letteralmente precipitando stagione dopo stagione

 

Il Barcellona prende Neymar, il Real Madrid tratta Bale per cifre vergognose, la Juventus compra Tevez ed Ogbonna, l’Inter spende 25 milioni (troppi) per Icardi e Belfodil, Fiorentina e Roma tesserano giocatori come Gomez e Strootman ed il Milan? Si gode i suoi gioielli da outlet di mercato come Coppola, Vergara, Silvestre, Poli e Saponara senza considerare il riscattato Constant e le giovani promesse integrate in prima squadra Petagna (Pignatone per gli amici) e Cristante. Come si può pretendere che questi acquisti sopperiscano agli evidenti limiti tecnici mostrati nella scorsa stagione! 

 

Non resta che provare forzatamente ad essere ottimisti quantomeno in ottica passaggio del turno in vista dell’imminente preliminare di Champion’s League, non oso immaginare l’enorme danno economico e d’immagine che deriverebbe dall’eliminazione dalla più prestigiosa competizione europea per club. Una volta (si spera) superato il Psv Eindhoven, rimarranno solo 5 giorni al termine del mercato: i giorni preferiti da Adriano Galliani, quelli dei super saldi di fine stagione dove, proprio come dei gatti a caccia di cibo da un bidone della spazzatura, saremo costretti per forza di cosa a racimolare le ultime briciole sperando che riescano a saziarci

 

Donato Boccadifuoco

Commenta l'articolo
(L'indirizzo e-mail non verrà visualizzato)

Dichiaro di accettare e aver preso atto dell'informativa resa sul trattamento dei miei dati personali



Tutti gli articoli di Donato Boccadifuoco
Follia pura
Del 12 Aprile 2016
A 6 giornate dal termine della stagione, clamoroso ribaltone sulla panchina del Milan: fuori Mihajlovic, dentro Brocchi. Scelta folle!
Infelici e contenti
Del 03 Marzo 2016
A 11 partite dalla fine del campionato, il Milan può ancora ambire al terzo posto finale e ha conquistato la finale di Coppa Italia. La strada verso la piena ricostruzione è ancora lunga, ma c´è di che essere contenti.
6 politico
Del 09 Febbraio 2016
Il pareggio interno per 1-1 maturato nello scorso turno di campionato contro l´Udinese, riaccende gli interrogativi sui reali obiettivi del Milan per questa stagione.
4 punti (di sutura)
Del 05 Gennaio 2016
Con i "se" ed i "ma" non si fa certamente la storia, sarebbe però curioso provare ad ipotizzare come sarebbero cambiati i giudizi su questa prima parte di stagione del Milan con i 4 punti persi contro Carpi e Verona...
Milan, il listone di mercato
Del 22 Giugno 2015
Nel tentativo di tirarci, e tirarvi, su di morale, vi proponiamo una nostra personalissima lista di mercato con giocatori che il Milan dovrebbe provare a seguire per rinforzare la propria rosa.
Scommettiamo Con Donato Per... Atalanta - Milan: parola d'ordine "dignitĂ ", segno 2
Del 30 Maggio 2015
Ultimo "giorno di scuola" per Atalanta e Milan che si sfideranno questa sera allo stadio Atleti Azzurri d´Italia a partire dalle ore 20.45
Scommettiamo con Donato per... Sassuolo - Milan: match alla portata dei rossoneri, segno 2
Del 17 Maggio 2015
Per l´anticipo domenicale in campo alle 12.30 Sassuolo e Milan. Per i bookmaker rossoneri leggermente favoriti
SCOMMETTIAMO CON DONATO PER... MILAN - GENOA: MATCH DA TRIPLA, CONSIGLIAMO L´OVER 2.5
Del 29 Aprile 2015
Questa sera a San Siro si giocherĂ  Milan - Genoa, ecco i nostri consigli per le vostre scommesse sportive...
SCOMMETTIAMO CON DONATO PER... PALERMO - MILAN: UN PO´ DI OTTIMISMO, SEGNO 2
Del 04 Aprile 2015
Questo pomeriggio Palermo - Milan. Riuscirà la squadra di Inzaghi a centrare finalmente il secondo successo consecutivo? Per noi, sì
SCOMMETTIAMO CON DONATO PER... FIORENTINA - MILAN: A TUTTO OVER
Del 16 Marzo 2015
In un campionato sempre piĂą livellato verso il basso, il Milan questa sera a Firenze avrĂ  la ghiottissima opportunitĂ  di avvicinare i piani alti della classifica. Pensate che con i 3 punti, il Diavolo tornerebbe addirittura a -8 dal terzo posto.
Cerca