« Tutti gli articoli della categoria Meteore Rossonere

Cosmin Contra

Del 25/02/2013 di


Cosmin Contra Mettere alle corde gli avversari: lo stai facendo nel modo giusto.

Alle volte capita che un professionista sbagli sport, nella vita. Oggi parleremo di un calciatore che probabilmente avrebbe avuto un grande futuro nella boxe, o forse nel valetodo, una lotta ancor più consona alle sue caratteristiche. Nemmeno tanto piccolo, ma di certo non un colosso (74 chili di peso, a dispetto del suo metro e 80), questo mancato peso welter rumeno ha dato spettacolo dentro, ma soprattutto fuori dal campo: Cosmin Contra.

 

Nato nelle giovanili del celebre club rumeno del Politehnica Timisoara, questo ventenne cresciuto a pane e risse da strada passò, nel 1995-96, agli amatissimi rivali della Dinamo Bucarest.

 

Costantin Radulescu, suo allenatore al Timisoara, prima che andasse via gli disse: “non diventerai mai un calciatore vero!”. Ammazza che gufata. Dopo quattro stagioni di onorata gavetta, il grande salto: Contra si trasferì infatti in Spagna, al Deportivo Alaves, nel 1999-2000, dove ebbe l’occasione di mettersi in mostra agli occhi degli avvoltoi danarosi di mezza Europa. Quello era infatti l’Alaves delle favole, in grado di tramutare una promozione dalla Segunda Division in un miracoloso 6 posto nella Liga e, ancora più incredibilmente, in una finale di Coppa UEFA persa contro il Liverpool solo ai supplementari, l’anno successivo.

 

Terzino destro di belle speranze (ma con il brutto vizio di collezionare tibie avversarie al posto dei più convenzionali trofei calcistici), il giovane Cosmin era un mix di agilità, potenza e tecnica, tanto da essere più volte paragonato addirittura a Roberto Carlos: in quel periodo i due erano colleghi nonché diretti avversari nella Liga, e il buon Cosmin ci mise poco per dimostrare tutta la sua stima e il suo affetto al terzino del Real Madrid. In occasione di un Real-Alaves, dopo un fallo assassino del madridista ai danni del suo compagno Karmona, Contra dichiarò: “Se l’avessi fatto io quel fallo, mi avrebbero squalificato per 6 mesi. Ma lui è lui e gioca dove gioca. È incredibile, avrebbe potuto spaccargli un piede, ma questo è il mondo del calcio in cui viviamo”. Dimostrerà di saper fare di peggio. Dopo quelle dichiarazioni, il suo procuratore ebbe anche il coraggio di dire che “Contra avrebbe preferito andare al Real, ma non gli garantiva il posto da titolare, cosa che invece al Milan gli spetta praticamente per contratto!”. C’era un motivo se in patria l’avevano soprannominato “guritza”, ovvero “boccuccia”.

 

Fu così che nell’estate del 2001 Contra venne ceduto dall’Alaves al Milan, in un pacchetto all-inclusive che conteneva anche il prolifico bomber Javi Moreno (famoso per le sue sgradevoli sembianze da topo), per la modica cifra complessiva di circa 60 miliardi delle vecchie lire, di cui 24 per il rumeno (il prezzo della sua clausola rescissoria): noccioline per un duo che prometteva (così dicono) gol in quantità industriale. Ed in fondo nel destino di Cosmin c’erano solo i rossoneri: dopo aver umiliato quasi da solo la difesa interista, nel tragico 0-2 a San Siro in Coppa UEFA (sospesa, prima che potesse finire peggio), Contra dichiarò di aver avuto delle offerte dall’Inter ma di averle rifiutate perché “l’Inter è un grosso club ma anche molto ricco: cambia spesso giocatori e questo provoca cattivi risultati e un’atmosfera negativa”. Forse a dissuaderlo non fu tanto la ricchezza del club, dato che in fondo i soldi non hanno mai fatto schifo a nessun calciatore, quanto piuttosto le parole dell’amico Adrian Mutu (“L’Inter è un po’ un casino”) ed il fatto che, quella sera, la curva interista fece piovere una gragnuola di seggiolini sul verde manto del Meazza. Forse, conscio delle sue scarse doti calcistiche, preferì andare sulla sponda del Naviglio dove non gli sarebbero volati motorini in testa, ma solo insulti.

 

L’impatto nel calcio italiano fu devastante, nel bene e nel male: la prima stagione lo vide collezionare 39 presenze complessive e 4 gol, di cui 3 in campionato e 1 in Coppa UEFA. Che avesse avuto ragione Terim, suo grande estimatore, prima di venir brutalmente silurato a novembre? Galliani immediatamente cercò di appropriarsi della scoperta: “Lo seguivamo da tanto, cercavamo un Serginho per la fascia destra e l’abbiamo trovato in Contra”. Devastante fu l’ingresso nel derby il 21 novembre 2002, al posto di Demetrio Albertini: suo il bolide sotto l’incrocio dei pali del 2-1, la cui velocità fu calcolata intorno ai 129 km/h, e suo l’assist per il gol del 3-1 di Pippo Inzaghi. Devastante fu, infine, l’impatto con lo juventino Edgar Davids dopo il ben poco amichevole triangolare del Trofeo TIM giocato l’estate del 2002. Dopo i calcioni scambiati sul campo, che fruttarono un’espulsione ed una bella squalifica a entrambi, Edgar aspettò negli spogliatoi Contra, sorprendendolo da un angolo del corridoio: i due si pestarono selvaggiamente e, pare, il buon rumeno si fece rispettare, tempestando il rivale di pugni in faccia, nonostante vi fosse anche il pacificatore Ciro Ferrara, intento a sedare la rissa prendendo Cosmin a calci. Abbiati, presente alla scena, si limitò giustamente ad osservare e a riprendere Ferrara con un rimprovero: “Ciro, da te non me l’aspettavo!”. Grande incassatore Cosmin, sul campo e fuori.

 

Fu L’episodio che troncò ogni sua chance di rimanere al Milan: chances già molto basse, dato che Ancelotti non gradiva particolarmente le amnesie in fase difensiva del rumeno, e la furia che invece scatenava senza motivo sulle caviglie avversarie, con conseguente pioggia di cartellini. Fu così che il 2 settembre 2002 venne ceduto, senza rimpianti, all’Atletico Madrid: dopo due anni senza glorie, nel 2004 venne ceduto in prestito prima al West Bromwich (che lo silurò già a gennaio del 2005, in seguito a pesanti diverbi con l’allenatore Bryan Robson) e poi al Timisoara, permettendogli di tornare a giocare in un campionato a lui più consono, quello rumeno.

 

In quegli anni collezionò poche presenze in campo, ma fuori si fece notare eccome: nel 2004 finì fra le vittime della pornostar Laura Andresan, estimatrice dei calciatori rumeni, che riprese lui e l’amicone Adrian Mutu durante le loro amorevoli performances acrobatiche, grazie ad un complice che girava i video dal palazzo di fronte. Il video, finito sul web, non raccolse ovviamente il gradimento della moglie del rumeno. Nel 2005, quando era ancora sotto contratto col West Brom, Contra presentò così agli inglesi il presunto arrivo del nemico di sempre: “Davids al Tottenham? È uno psicopatico violento e pieno di rancore. Come ho reagito quando mi aggredì? Diciamo che non mantenni la calma”. La calma non la mantenne nemmeno quando, scaduto il contratto con l’Atletico Madrid, Cosmin decise di accasarsi al Getafe, nel 2005: dopo aver schivato un suo ritorno in Italia, in seguito al presunto interessamento del Catania, nel maggio del 2009 venne sostituito durante la gara col Barcellona dal suo allenatore, Victor Munoz. Il rumeno non reagì bene: prima scoppiò a piangere negli spogliatoi, poi decise di farsi giustizia da solo picchiando il tecnico a colpi di parastinco in testa.

 

Terminata così la sua avventura spagnola, Contra fece definitivamente ritorno in patria, ancora al Timisoara, dove nel 2010 chiuse la sua “carriera di calciatore” e intraprese quella di allenatore. Carriera che è cominciata così come era finita quella precedente: dopo pochi mesi, in seguito ad un violento litigio con il presidente del Timisoara Marian Iancu, Contra venne stranamente esonerato. La sua nuova strada prosegue ancora oggi: dopo l’avventura alla guida del Fuenlabrada (serie C spagnola), da pochi mesi Cosmin allena il club rumeno Petrolul Ploiesti. Riuscirà a non pestare nessuno, stavolta?

 

Gabriele Li Mandri

Commenta l'articolo
(L'indirizzo e-mail non verrà visualizzato)

Dichiaro di accettare e aver preso atto dell'informativa resa sul trattamento dei miei dati personali



Tutti gli articoli di
Et voilĂ , Kevin Croissant
Del 15 Aprile 2014
Un Milan dolce dolce conquista la sua quarta vittoria consecutiva grazie ad un fenomenale terzino finalmente esploso dopo mesi di progressiva crescita. Et voilĂ  signori, Kevin Croissant.
Signore e signori, che culo
Del 08 Aprile 2014
Il 2-1 al Genoa lascia spazio a poche discussioni. Posate le lavagnette, le grafiche, le statistiche: è solo una questione di grande, enorme, magnifico culo.
Date il Pane al Cane Pazzo
Del 31 Marzo 2014
No, non è un articolo dedicato a Mad Dog Flamini, "vecchia gloria" del recente passato rossonero, ma uno spaccato della condizione odierna della squadra e della società rossonera.
Il Riposo dei Guerrieri
Del 24 Marzo 2014
E basta con queste lamentele, con le contestazioni, con le critiche a Seedorf, a Berlusconi, a Galliani e ai nostri Campioni. Fate come me: evolvetevi e capirete che tutto questo è per il bene del Milan.
Il Paradosso del Gatto di Seedorf
Del 12 Marzo 2014
Dalla meccanica quantistica al calcio, il passo è breve.
L'Alba dei Morti Viventi
Del 25 Febbraio 2014
Incredibile al Marassi: il Milan si scuote, vince e quasi quasi convince. Contro la Samp, con un Seedorf finalmente presente in campo e a se stesso e con i gol dei nuovi "acquisti", il Milan ha cominciato a grattare la bara in cui giace da mesi. Che sia l´alba dei morti viventi?
Il culo di Seedorf
Del 17 Febbraio 2014
L´unica prerogativa buona del neo-non-tecnico rossonero non è l´acume tattico, la preparazione atletica, le palle quadrate, la carica agonistica ma il vecchio e caro sano culo.
Una lettera aperta. Anzi, bucherellata.
Del 10 Febbraio 2014
Si prega di inoltrare la seguente missiva alla sede della societĂ  A.C. Milan. Non quella in Via Turati, sequestrata per insolvenza, ma alla nuova: quella dove campeggia la targa "Siamo il club piĂą tribolato al mondo".
Seedorf ed il 4-2-Mammamia
Del 20 Gennaio 2014
Dopo Leonardo ed il 4-2-Fantasia, ecco che il Milan investe nuovamente su un allenatore non-allenatore dalle idee spregiudicate e offensive. Ecco che nasce, signore e signori, il 4-2-Mammamia.
La fitta sassuolata dell'ingiuria
Del 14 Gennaio 2014
Io l´avevo detto: la vittoria sull´Atalanta non doveva ingannare. L´amore sbandierato da Galliani e Allegri s´è tramutato in un fiume d´ingiurie che ha finito per lapidare l´allenatore rossonero con una sassuolata di storica memoria.
Cerca