« Tutti gli articoli della categoria Milanissimo

E se fosse un bluff?

Del 23/09/2016 di PierGiorgio Danuol


E se fosse un bluff? Dal thailandese ai cinesi, closing che non arriva mai, intanto in campo si vede un Milan giovane ed italiano.

E se alla fine fosse tutto un bluff e ci siamo tutti illusi di avere finalmente soldi a valanga da spendere sul mercato per rinforzare il nostro Milan? Ormai non passa giorno che si legga di un ulteriore rinvio del famoso closing, di notizie più o meno fondate riguardo ombre sulla cessione della società, di comunicati della Fininvest che smentisce qualsiasi indiscrezione sulla trattativa, intanto il tempo passa e la squadra rimane tale e quale al quella dello scorso anno con il solo Montella come ancora di salvezza per i tifosi. Il tutto è iniziato più di un anno fa con il famoso thailandese Mr. Bee Taechaubol e l'ipotesi di rilevare l'intero pacchetto azionario, per la cifra di 1 miliardo e 200 milioni di euro; due mesi dopo, il 6 giugno, arriva l'accordo, Berlusconi si tiene la maggioranza, a Mr Bee va il 48 per cento delle azioni, per 480 milioni. Viene dato il tempo a Mr. Bee di reperire i soldi promessi ma i mesi passano e di denaro nelle casse della Fininvest non ne arriva, la proprietà si dichiara fiduciosa di chiudere la trattativa entro la fine del campionato ma pian piano il thailandese sparisce di scena. Arrivano i cinesi, la cordata rappresentata da Li Yonghong, il primo versamento di cento milioni di euro, arrivati però a mercato estivo concluso, e closing più volte rinviato; l'ultima notizia è di presunti dubbi sulla veridicità dei documenti forniti dal consorzio "Sino-Europe" per convincere Silvio Berlusconi e Fininvest a cedere il Milan. Sia Bloomberg che il settimanale Caixin hanno definitivo falsi i documenti prodotti dagli istituti bancari per far fronte al finanziamento necessario per l'acquisizione del Milan. La Fininvest ha provveduto immediatamente a smentire quanto sollevato da Bloomberg e da Caixin dichiarando che le verifiche sulla solidità finanziaria degli acquirenti si sono basate sugli approfondimenti compiuti dai loro advisors presso istituzioni finanziarie e operatori cinesi e internazionali. Ora non resta che aspettare il famoso closing previsto per novembre salvo ulteriori rinvii ma soprattutto aspettiamoci altre indiscrezioni, altre smentite, solamente con il versamento dei soldi necessari per rilevare al società si potrà mettere fine ad una trattativa che rispetto ad altre società sta andando piuttosto per le lunghe.
E se dietro questa telenovelas ci fosse la regia del presidente Silvio Berlusconi con il buon Galliani come attore protagonista? Promesse di cedere la società dopo trent'anni, liquidazione del tanto criticato Galliani, rafforzamento della rosa, capitali freschi, nuovi acquisti, ritorno del Milan ai livelli cui siamo stati abituati, da oltre un anno stiamo leggendo tutto ciò ma immancabilmente non si verifica nulla. Ricordate il progetto di Silvio Berlusconi di un Milan giovane ed italiano? E se fosse questa invece la novità in casa rossonera? Rileggiamoci la formazione rossonera nella gara vinta contro la Lazio e sembra di assistere al sogno di Berlusconi nel caso non si arrivasse alla cessione. Età media sui venticinque anni, cinque under 23 in campo, il tutto come fosse un "cantera" in stile Barcellona; in porta il giovanissimo Donnarumma, diciassette anni ed ormai titolare fisso da un anno, già convocato in nazionale e costantemente tra i migliori rossoneri. In difesa spazio a Calabria, terzino cresciuto nel vivaio rossonero, diciannove anni e con ottime prospettive future, in crescita pure l'appena maggiorenne Locatelli, ancora sprazzi di partite ma giovane del vivaio e pronto per essere inserito nei momenti più delicati della partita. Il numero tredici di Alessandro Nesta è finito sulla schiena di Romagnoli, scelta azzardata ma un giocatore su cui puntare per i prossimi anni, con un centrale di esperienza al suo fianco non può che migliorare di partita in partita; altro difensore nato nel Milan è De Sciglio, sembra il veterano ma ha soli ventitré anni, ampi margini di miglioramento, sino ad ora ha dimostrato ottime potenzialità ma che deve ancora esprimere con continuità. Cinque italiani in campo, metà squadra a cui poi si aggiungono i vari Abate, Montolivo, Poli, e gli altrettanto giovani Niang e Suso, ventuno e ventidue anni sono già titolari nel Milan dopo la parentesi al Genoa, assicurano goal ed assist, un buonissimo avvio di stagione. In attesa quindi dei cinesi, dell'addio definitivo di Berlusconi, dell'arrivo in società di una bandiera rossonera, teniamoci stretto il lavoro di Montella, le sue idee di calcio, la sua competenza, serietà e professionalità, l'unica certezza in questo avvio di stagione che fatichiamo ancora a capire dove ci porterà. 


Piergiorgio Danuol

Commenta l'articolo
(L'indirizzo e-mail non verrà visualizzato)

Dichiaro di accettare e aver preso atto dell'informativa resa sul trattamento dei miei dati personali



Tutti gli articoli di PierGiorgio Danuol
Juventus - Milan 2 - 1, le pagelle rossonere
Del 11 Marzo 2017
Donnarumma super, bene Deulofeu.
Le pagelle di Milan - Chievo 3 - 1
Del 05 Marzo 2017
Bacca il migliore, bene Sosa e Deulofeu
Campionato 2016-2017, Sassuolo - Milan 0 - 1
Del 03 Marzo 2017
Nono goal in campionato per Bacca
Campionato 2016-2017, Milan - Fiorentina 2 - 1
Del 25 Febbraio 2017
Prima rete in rossonero per Deulofeu
Mille volte Carletto!
Del 24 Febbraio 2017
Traguardo prestigioso per il nostro Carletto Ancelotti, mille panchine in carriera, da Reggio Emilia a Monaco di Baviera.
Le pagelle di Milan - Fiorentina 2 - 1
Del 20 Febbraio 2017
Kucka e Deulofeu i migliori, male Bacca
Campionato 2016-2017, Lazio - Milan 1 - 1
Del 15 Febbraio 2017
Sesta rete stagionale per Suso, quinto pareggio in campionato
Le pagelle di Lazio - Milan 1 - 1
Del 14 Febbraio 2017
Donnarumma e Suso salvano il Milan, ottimo ingresso di Sosa
Campionato 2016-2017, Bologna - Milan 0 - 1
Del 11 Febbraio 2017
Vittoria in nove contro undici, giĆ  sette espulsioni in campionato
Le pagelle di Bologna - Milan 0 - 1
Del 08 Febbraio 2017
Donnarumma il migliore, bene Deulofeu
Cerca