« Tutti gli articoli della categoria Milanissimo

Presidente, la Sud è con te

Del 21/11/2016 di PierGiorgio Danuol


Presidente, la Sud è con te Non gli sarà intitolato uno stadio ma almeno una parte di San Siro è sua.

Il suo desiderio probabilmente è sempre stato quello di avere uno stadio a lui intitolato così come è avvenuto in Spagna con Santiago Bernabeu ma quasi sicuramente dovrà accontentarsi di avere l'intera Curva Sud di San Siro a lui dedicata, un'intero settore dello stadio a tributargli un grazie lungo trent'anni. Lo spettacolo vero e proprio del derby milanese si è avuto a pochi minuti dall'inizio della partita, si attendeva con ansia che i ragazzi della Curva Sud srotolassero uno dei loro capolavori come avviene in occasione dei derby e di altre grandi sfide e puntuali verso le venti e quarantacinque di domenica 20 novembre 2016 tutto il popolo rossonero e non solo ha potuto ammirare la gigantografia che imponente copriva l'intera Curva Sud. Il protagonista principale era colui che ha portato i colori rossoneri in cima al mondo, 1986 e 2016, trent'anni di Milan, lo stemma del club, i ventotto trofei conquistati e lui ad abbracciare la Coppa dei Campioni, il trofeo che ha dato più lustro all'epopea rossonera. Naturalmente per chi non l'avesse ancora capito o visto (impossibile però averlo perso) stiamo parlando di Silvio Berlusconi, il Presidente più vincente nella storia del Milan, colui che prese il Milan dall'aula di un tribunale e lo portò ad essere uno dei club più titolati al mondo. Se sarà stato il suo ultimo derby come Presidente del Milan non è ancora sicuro, tutto però lascia presagire che a dicembre ci sarà il famoso closing con il quale la nuova proprietà cinese diventerà a tutti gli effetti operativa e proprietaria del club rossonero e comunque dopo trent'anni di presidenza rossonera con Silvio Berlusconi la coreografia ammirata a San Siro resterà tra le più belle ed emozionanti. “Una coreografia emozionante” così l'ha definitiva Silvio Berlusconi, “Grazie, grazie, grazie. È stato bellissimo, emozionante e sorprendente. Arrivare a San Siro per una occasione importante come il derby di Milano, essere attorniato da tanti tifosi rossoneri che mi applaudivano e mi ringraziavano ma soprattutto, improvvisamente, vedere la splendida coreografia realizzata dai ragazzi della Curva Sud. Ancora grazie, grazie, grazie”, questo il commento del giorno dopo da parte del patron rossonero. “Ecco, l'Italia, l'Europa, il Mondo: nella vostra coreografia mozzafiato non avete dimenticato nessuna delle emozioni che abbiamo condiviso, dei sacrifici che abbiamo fatto e dei grandissimi trofei che abbiamo vinto ovunque e comunque. Una coreografia che avete pensato e mi avete dedicato, ma che giro a tutti voi, ragazzi della Curva e tifosi rossoneri. Io ho la soddisfazione di aver contribuito alle vostre emozioni, voi mi avete commosso fino alle lacrime. Insieme, con il Milan e per il Milan. Per sempre”. Si chiude così il tributo del Presidente a tutti coloro che hanno lavorato per lo splendido scenario della Curva Sud. Un omaggio che forse nemmeno lui avrebbe mai immaginato viste le critiche, gli striscioni apparsi in questi anni che rimproveravano la proprietà di non avere più a cuore le sorti del Milan, la disaffezione dei tifosi sfociata quest'anno con il record negativo di abbonati, anni di insuccessi, di esoneri di allenatori, di rose non all'altezza della maglia rossonera, ed invece ancora una volta il popolo rossonero si è dimostrato riconoscente e grato verso chi ha permesso di vivere trent'anni di dominio in Italia, Europa e Mondo, di vincere, rivincere e stravincere, di essere padroni del campo e del gioco, di diventare una società modello.
Certo, non sono mancati gli errori, le annate negative, gli acquisti sbagliati, le sconfitte, la sensazione di non essere più il Milan ma basta soffermarci un attimo e ripercorrere l'ultimo trentennio per capire che non è andata poi così male! Purtroppo nel calcio la memoria è corta, questi ultimi anni di insuccessi fanno quasi dimenticare quanto vinto prima ed avere un giudizio negativo sulla proprietà, dirigenza, allenatori, giocatori; il calcio inevitabilmente è fatto di cicli, quello rossonero è stato poi dell'Inter, ora c'è la Juventus che sta dominando non solo in campo ma anche dal punto di vista societario visto che con una proprietà italiana, bilancio in regola ed uno stadio di proprietà sta dimostrando che poi non è così necessario affidarsi ai cinesi ma qui si aprirebbe un capitolo che merita altri spazi.
A nome di tutti i tifosi rossoneri ed anche dei detrattori rossoneri che comunque hanno ammirato il Milan e con loro sono nati, cresciuti ed invecchiati, rendiamo omaggio a colui che ha reso possibile tutto ciò e crediamo che un sogno così non ritorni mai più...!



Piergiorgio Danuol

Commenta l'articolo
(L'indirizzo e-mail non verrà visualizzato)

Dichiaro di accettare e aver preso atto dell'informativa resa sul trattamento dei miei dati personali



Tutti gli articoli di PierGiorgio Danuol
Juventus - Milan 2 - 1, le pagelle rossonere
Del 11 Marzo 2017
Donnarumma super, bene Deulofeu.
Le pagelle di Milan - Chievo 3 - 1
Del 05 Marzo 2017
Bacca il migliore, bene Sosa e Deulofeu
Campionato 2016-2017, Sassuolo - Milan 0 - 1
Del 03 Marzo 2017
Nono goal in campionato per Bacca
Campionato 2016-2017, Milan - Fiorentina 2 - 1
Del 25 Febbraio 2017
Prima rete in rossonero per Deulofeu
Mille volte Carletto!
Del 24 Febbraio 2017
Traguardo prestigioso per il nostro Carletto Ancelotti, mille panchine in carriera, da Reggio Emilia a Monaco di Baviera.
Le pagelle di Milan - Fiorentina 2 - 1
Del 20 Febbraio 2017
Kucka e Deulofeu i migliori, male Bacca
Campionato 2016-2017, Lazio - Milan 1 - 1
Del 15 Febbraio 2017
Sesta rete stagionale per Suso, quinto pareggio in campionato
Le pagelle di Lazio - Milan 1 - 1
Del 14 Febbraio 2017
Donnarumma e Suso salvano il Milan, ottimo ingresso di Sosa
Campionato 2016-2017, Bologna - Milan 0 - 1
Del 11 Febbraio 2017
Vittoria in nove contro undici, già sette espulsioni in campionato
Le pagelle di Bologna - Milan 0 - 1
Del 08 Febbraio 2017
Donnarumma il migliore, bene Deulofeu
Cerca