« Tutti gli articoli della categoria Racconti Epici

Milan-Barcellona 4-0

Del 22/01/2012 di


Milan-Barcellona 4-0 La quinta coppa Campioni viene vinta dal Milan ad Atene nel maggio del 1994. Massaro con una doppietta, Savicevic e Desailly saranno gli eroi del match ma soprattutto coloro che daranno un bello schiaffo morale alla presunzione del tecnico Crujiff.

Milan – Barcellona
E’ il 18 maggio 1994 e il Milan s’appresta a vivere una delle partite che entreranno di diritto nella storia della squadra rossonera. Ad Atene va di scena la finale di Champions League contro il Barcellona di Crujiff, l’allenatore olandese è sicuro che la partita vedrà la sua squadra trionfare. Il Milan di Fabio Capello giunge alla finale dopo aver superato in semifinale il Monaco per 3-0, identico risultato per i blaugrana che superano il Porto. Il Milan gioca la finale partendo da sfavorito anche per le assenze della coppia centrale difensiva Baresi-Costacurta, entrambi squalificati. I rossoneri in classica maglia bianca scendono in campo spinti dalla voglia di mettere a tacere le provocazioni dei giorni precedenti la partita con Crujiff protagonista di foto che lo ritraevano già a baciare la Coppa dalla grandi orecchie.
La partita parte in maniera equilibrata con le due squadre a studiarsi, lo strapotere annunciato dal Barcellona in campo non si vede, anzi è il Milan a dimostrare maggiore iniziativa e pericolosità davanti. Dopo 22 minuti il match prende la piega giusta grazie all’intuizione del bomber rossonero Daniele Massaro che batte Zubizarreta da pochi passi su cross di Savicevic che salta l’uomo e in caduta serve l’assist vincente. Può esplodere il boato dei tantissimi milanisti giunti in Grecia. Il gol del Milan è una sorpresa per tutti ma non per i ragazzi di Capello che ha preparato tatticamente alla perfezione la partita. Dopo il gol cominciano ad incrinarsi le certezze del Barça e ogni tentativo spagnolo trova la pronta opposizione di Seba Rossi e della straordinaria coppia di difensori centrali “improvvisata” Maldini-Galli. Romario e Stoichkov non incidono come dovrebbero e il Milan davanti continua a essere pericoloso.
Quando la partita sembra andare all’intervallo sull’1-0 ecco arrivare un’altra zampata graffiante di Massaro che ancora una volta con maestria e furbizia fulmina il lungo portiere spagnolo dopo una splendida discesa sulla sinistra di Donadoni. Si va negli spogliatoi col Milan avanti 2-0 e col Barça con il morale sotto i tacchi. Ma la partita è ancora lunga, soprattutto una finale. Capello non cambia l’atteggiamento della squadra e il Milan continua concentrato a non concedere nulla anzi deciso a chiudere la partita e due minuti dopo l’inizio della ripresa arriva la perla della serata, l’immagine da copertina. Savicevic sulla fascia destra ruba la palla a Nadal dopo un contrasto, alza testa e dai 25 metri lascia partire un pallonetto che supera Zubizarreta e si insacca beffardamente sotto la traversa. 3-0 del Milan e delirio rossonero sugli spalti. Il Barcellona è in ginocchio dopo la prodezza del montenegrino. Il Milan non si ferma e continua a macinare azioni, e dopo un palo di Savicevic arriva anche il quarto gol al 58’. Lo segna Desailly che di forza si incunea tra le maglie blaugrana dopo una combinazione con Albertini. 4-0 da stropicciarsi gli occhi e partita chiusa. Manca ancora mezz’ora ma il resto della partita è una serie di olè e di abbracci in panchina, fino al triplice fischio dell’inglese Don. Il Milan conquista la sua quinta Coppa dei Campioni contro ogni pronostico e giocando una delle partite più belle di sempre.
Tabellino:
Milan: Rossi, Tassotti, Panucci, Galli, Maldini (38’st Nava), Albertini, Donadoni, Desailly, Boban, Savicevic, Massaro.
All. Fabio Capello
Barcellona: Zubizarreta, Ferrer, Guardiola, Koeman, Nadal, Bakero, Sergi (6’ st Estebaranz), Stoichkov, Amor, Romario, Beguiristain (26’ st Eusebio)
All. Johan Crujiff
Arbitro: Philip Don
Marcatori: 22’, 45’ Massaro, 47’ Savicevic, 58’ Desailly
Gaetano Scavuzzo

*Immagini tratte dalla Rai, commento di Bruno Pizzul


Commenta l'articolo
(L'indirizzo e-mail non verrà visualizzato)

Dichiaro di accettare e aver preso atto dell'informativa resa sul trattamento dei miei dati personali



Tutti gli articoli di
La "dama cinese" che ha frenato la trattativa con Mr. Bee
Del 06 Maggio 2015
L´improvviso arrivo di una misteriosa emissaria del governo cinese e non legata a Mr. Lee avrebbe spinto Berlusconi a prendere tempo sull'offerta di Bee Taechaubol.
In attesa permanente
Del 22 Aprile 2015
I prossimi sono giorni importanti per il futuro del Milan con l´arrivo in Italia di Mr. Bee intenzionato a chiudere l´acquisto del club offrendo 600 milioni di euro per il 75% della società.
Luci (spente) a San Siro
Del 15 Aprile 2015
Domenica va in scena Inter-Milan, che qualcuno ha etichettato "derby della tristezza", definizione che a guardare la stagione delle due milanesi non è così lontana dalla realtà.
Europa difficile ma non impossibile
Del 08 Aprile 2015
Nove giornate al termine e 7 punti da recuperare per provare ad agguantare in extremis la qualificazione all´Europa League e dare un senso al finale di stagione dei rossoneri.
De Jong e i suoi dubbi sul futuro
Del 01 Aprile 2015
L´olandese è in scadenza ma prima di rinnovare col Milan vuole capire che intenzioni ha la società per il futuro prossimo
Milan e quel Game Over dal silenzio assordante
Del 25 Marzo 2015
La Curva Sud chiede chiarezza al presidente Berlusconi ed è pronta a continuare con le proteste se non arriveranno le risposte attese in tempi brevi.
Honda, l´eclissi del Sol Levante
Del 18 Marzo 2015
Il giapponese di qualche mese fa, quello che ha realizzato 6 gol, si è perso insieme a tutta la squadra.
Da Mr. Bee a Mr. Pink, verso il nuovo Milan all´orientale
Del 11 Marzo 2015
Il cambio di proprietà si prospetta all'orizzonte. Trattative sempre più in fase avanzata per l'ingresso di nuovi soci nel club che nel giro di poco tempo potrebbero rilevare l'intero controllo del Milan.
Pippo e l´anima che fu
Del 04 Marzo 2015
Caos e malumori hanno spazzato via l´armonia sia nella squadra che nello staff tecnico. Qualcosa con Inzaghi si è rotto.
Cerci e le attese disattese
Del 25 Febbraio 2015
Pezzo pregiato tra i rinforzi di gennaio finora ha visto più panchina che campo. Colpa dell'ex granata o di un impianto di gioco che latita?
Cerca