« Tutti gli articoli della categoria Racconti Epici

Milan - Roma 2-2

Del 18/03/2012 di


Milan - Roma 2-2 A pochi giorni dal trionfo di Manchester nella finale di Champions League contro la Juventus il Milan festeggia davanti al suo pubblico il successo europeo suggellando la stagione con un altro trofeo, la Coppa Italia, dopo ben 26 anni dall´ultima vittoria della competizione, conquistata nella doppia finale contro la Roma con l´1-4 dell´Olimpico e il 2-2 del match di ritorno a San Siro.

Ad appena 72 ore dalla storica serata dell’Old Trafford conclusa con la conquista della sesta Coppa Campioni della storia rossonera il Milan scende in campo davanti al suo pubblico. L’occasione è la finale di ritorno di Coppa Italia contro la Roma, dopo il rotondo successo del Milan all’andata per 4-1. Una partita troppo ghiotta per essere la festa ideale per il successo europeo e per concludere la stagione mettendo in bacheca un altro trofeo. Con la sbronza di Manchester ancora nel corpo di molti rossoneri Ancelotti decide di dare spazio a coloro che si sono conquistati questa finale in tutto l’arco della competizione. Il risultato dell’andata è molto più di un’ipoteca sul verdetto finale. Più che la Roma, il pericolo principale per il Milan è proprio il clima di festa generale che potrebbe far venire meno concentrazione e determinazione. I giallorossi, con in panchina il grande ex Fabio Capello, devono recuperare 3 gol di svantaggio.

 

La Roma parte forte dimostrando di voler quantomeno provarci e non recitare il ruolo di vittima sacrificale della festa milanista. Il capitano giallorosso Totti si carica la squadra sulle spalle e in un paio di occasioni per poco non porta in vantaggio la Roma nel primo tempo. I tentativi di Totti sbattono sulla reattività di Abbiati che è bravo e pronto in più di un occasione. Dall’altra parte il Milan risponde con i tiri di Seedorf e Serginho (mattatore del match dell’andata) che non hanno però fortuna. La partita vive sull’equilibrio più totale per tutto il primo tempo che termina a reti inviolate.

 

La Roma spinge subito anche nella ripresa e dopo dieci minuti passa in vantaggio con una punizione di Totti. Passano altri otto minuti e sempre Totti realizza la sua doppietta, ancora una volta sfruttando al massimo un calcio piazzato dalla distanza. Sul 2-0 i giallorossi iniziano a credere nella rimonta anche se solo per poco, Un minuto dopo ci pensa Rivaldo a rimettere le cose a posto per il Milan con un colpo di testa vincente su traversone di Serginho. Sul punteggio di 2-1 in pochi minuti la Roma perde i due suoi uomini più importanti e resta in nove. Prima viene espulso Cassano per proteste e poco dopo anche il capitano Totti è costretto a lasciare il campo per doppia ammonizione. Col doppio vantaggio numerico in campo il Milan amministra la partita agevolmente anche se rischia di subire il terzo gol a 10 minuti dalla fine su un colpo di testa di Del Vecchio. E quando ormai la partita sembra volgere al termine, oltre il 90’ arriva l’ennesimo guizzo stagionale di Inzaghi che evita la sconfitta rossonera battendo Pelizzoli con un sinistro al volo su assist di Rivaldo. Finisce 2-2 e la festa si completa nel migliore dei modi. Accanto alla coppa dalle grande orecchie il Milan aggiunge in pochi giorni anche la Coppa Italia, trofeo che mancava in Via Turati da oltre 25 anni.

 

Tabellino:

 

Milan: Abbiati, Simic (83’ Helveg), Nesta, Laursen, Maldini, Gattuso (89’ Kaladze), Redondo, Seedorf (60’ Rui Costa), Rivaldo, Serginho, Inzaghi.

 

All. Ancelotti

 

Roma: Pelizzoli, Zebina, Samuel, Panucci, Candela (85’ Fuser), Tommasi (54’ Delvecchio), Emerson, Dacourt (78’ De Rossi), Lima, Totti, Cassano.

 

All. Capello

 

Arbitro: Rosetti

 

Marcatori: 56’, 64’ Totti, 65’ Rivaldo, 90’Inzaghi

* fonte video you tube. La redazione non è responsabile del filmato

* alcune foto sono tratte da almanaccogiallorosso.it

 


Commenta l'articolo
(L'indirizzo e-mail non verrà visualizzato)

Dichiaro di accettare e aver preso atto dell'informativa resa sul trattamento dei miei dati personali



Tutti gli articoli di
La "dama cinese" che ha frenato la trattativa con Mr. Bee
Del 06 Maggio 2015
L´improvviso arrivo di una misteriosa emissaria del governo cinese e non legata a Mr. Lee avrebbe spinto Berlusconi a prendere tempo sull'offerta di Bee Taechaubol.
In attesa permanente
Del 22 Aprile 2015
I prossimi sono giorni importanti per il futuro del Milan con l´arrivo in Italia di Mr. Bee intenzionato a chiudere l´acquisto del club offrendo 600 milioni di euro per il 75% della società.
Luci (spente) a San Siro
Del 15 Aprile 2015
Domenica va in scena Inter-Milan, che qualcuno ha etichettato "derby della tristezza", definizione che a guardare la stagione delle due milanesi non è così lontana dalla realtà.
Europa difficile ma non impossibile
Del 08 Aprile 2015
Nove giornate al termine e 7 punti da recuperare per provare ad agguantare in extremis la qualificazione all´Europa League e dare un senso al finale di stagione dei rossoneri.
De Jong e i suoi dubbi sul futuro
Del 01 Aprile 2015
L´olandese è in scadenza ma prima di rinnovare col Milan vuole capire che intenzioni ha la società per il futuro prossimo
Milan e quel Game Over dal silenzio assordante
Del 25 Marzo 2015
La Curva Sud chiede chiarezza al presidente Berlusconi ed è pronta a continuare con le proteste se non arriveranno le risposte attese in tempi brevi.
Honda, l´eclissi del Sol Levante
Del 18 Marzo 2015
Il giapponese di qualche mese fa, quello che ha realizzato 6 gol, si è perso insieme a tutta la squadra.
Da Mr. Bee a Mr. Pink, verso il nuovo Milan all´orientale
Del 11 Marzo 2015
Il cambio di proprietà si prospetta all'orizzonte. Trattative sempre più in fase avanzata per l'ingresso di nuovi soci nel club che nel giro di poco tempo potrebbero rilevare l'intero controllo del Milan.
Pippo e l´anima che fu
Del 04 Marzo 2015
Caos e malumori hanno spazzato via l´armonia sia nella squadra che nello staff tecnico. Qualcosa con Inzaghi si è rotto.
Cerci e le attese disattese
Del 25 Febbraio 2015
Pezzo pregiato tra i rinforzi di gennaio finora ha visto più panchina che campo. Colpa dell'ex granata o di un impianto di gioco che latita?
Cerca