« Tutti gli articoli della categoria Racconti Epici

Perugia - Milan 1 - 2

Del 13/10/2012 di PierGiorgio Danuol


Perugia - Milan 1 - 2 Una stagione iniziata con un nuovo mister, Alberto Zaccheroni, e non come squadra favorita per la vittoria finale; la continuità di risultati è però sorprendente e le ultime sette partite portano i rossoneri a lottare punto a punto contro la favoritissima Lazio. Un campionato che si deciderà solamente all'ultima giornata dopo un avvincente duello.

Domenica 23 maggio 1999
Serie A 34a ed ultima giornata
Perugia - Milan
Perugia, Stadio Renato Curi

E' l'ultima giornata di campionato, il Milan è reduce dal sorpasso ai danni della Lazio; nell'ultimo turno rossoneri vincenti per quattro reti a zero contro l'Empoli e biancocelesti fermati sul pareggio per uno a uno dalla Fiorentina. Il Milan si presenta così a Perugia da favorito per la vittoria finale, la Lazio non può che sperare in un passo falso dei rossoneri. Un solo punto distanzia le due squadre, sessantasette contro sessantasei.

Proprio dallo scontro diretto del 3 aprile all'Olimpico di Roma, il Milan non ha più interrotto la serie di vittorie consecutive; Parma, Udinese, Vicenza, Sampdoria, Juventus, Empoli, nessuna di queste squadre è riuscita a fermare la corsa scudetto dei rossoneri.
L'obiettivo è la settima meraviglia che coinciderebbe con lo scudetto finale, il Milan è come sempre pronto a giocarselo fino in fondo e con l'esperienza che contraddistingue il club di via Turati.

Milan schierato con la formazione tipo, quella che ha portato i rossoneri in testa alla classifica; Abbiati in porta, Sala, Costacurta e Maldini in difesa, Helveg, Ambrosini, Albertini e Guglielminpietro a centrocampo, Boban rifinitore dietro le due punte Bierhoff e Weah.
Il Perugia è reduce dalla trasferta vittoriosa di Udine e dalla matematica salvezza, la squadra di Boskov non ha praticamente più nulla da chiedere al campionato.

Il Milan parte subito all'attacco e dopo appena undici minuti è già in vantaggio; un'azione partita da Maldini, Guglielminpietro riceve palla defilato sulla sinistra, porta avanti il pallone e appena dentro l'area lascia partire un destro che si infila alla sinistra di Mazzantini, è l'uno a zero per il Milan.
I rossoneri non si accontentano del vantaggio iniziale e cercano subito il raddoppio; prima un bellissimo lancio di Boban per Bierhoff che dentro l'area viene trattenuto fallosamente da un difensore del Perugia ma l'arbitro lascia correre; poi un palo di Guglielminpietro con una conclusione dal limite dell'area, poi ancora Bierhoff di testa ma para il portiere, infine Helveg si spinge in avanti ma la conclusione ancora una volta è deviata dall'estremo difensore perugino.
Alla mezz'ora calcio d'angolo per il Milan; perfetto cross di Albertini per la testa di Bierhoff che salta più alto della difesa del Perugia e batte Mazzantini; è il due a zero rossonero.

Pochi minuti dopo però la gara si riapre, complice un fallo da rigore di Sala; si incarica della battuta il giapponese Nakata che spiazza Abbiati e porta il Perugia sull'uno a due. Gli ultimi dieci minuti del primo tempo vedono il Perugia all'attacco ma Abbiati è in ottima forma e respinge le molte conclusioni dei giocatori avversari facendo terminare così il primo tempo con il Milan in vantaggio.
Nel frattempo da Roma arrivano notizie del vantaggio della Lazio sul Parma, per cui un secondo tempo tutto da vivere e soffrire fino all'ultimo minuto.

Nella ripresa il Milan cerca di chiudere definitivamente la gara, ci prova prima con Weah anticipato di pochissimo dall'uscita del portiere, poi due volte con Guglielminpietro, prima di testa e poi con una conclusione dal limite deviata disperatamente in calcio d'angolo da un tuffo di un difensore avversario.

L'unica vera occasione del Perugia è ad opera di Rapaic ma ancora una volta Abbiati si supera; l'azione si sviluppa sulla destra, l'attaccante avversario lascia partire un tiro dal fuori area che sembra destinato all'incrocio dei pali ma Christian vola e devia in calcio d'angolo. Resterà questa la parata scudetto, una delle immagini più significative della cavalcata rossonera. Nel finale esce Boban, ancora tra i migliori in campo, ed entra Leonardo, una staffetta vista più volte nel corso della stagione; non succede più nulla fino alla fine, il Milan è campione d'Italia per la sedicesima volta, scudetto proprio nell'anno del centenario, una vittoria inaspettata ma costruita di giornata in giornata e culminata con sette vittorie consecutive.

E' il primo trofeo per Alberto Zaccheroni al primo tentativo sulla panchina rossonera, proprio come avevano fatto prima Sacchi e poi Capello; una rosa inferiore alle precedenti ma con un'organizzazione di gioco, determinazione, alcuni giocatori di qualità, un modulo diverso dai precedenti, hanno permesso di avere la meglio su formazioni probabilmente più quotate alla vigilia del campionato.
Protagonista della vittoria finale, Oliver Bierhoff con le sue diciannove reti in trentaquattro partite, unite poi alle dodici di Leonardo e alle otto di Weah; un mix di classe, potenza, fantasia, fisicità che ha permesso al Milan di realizzare cinquantanove reti in campionato. Un Milan che chiude con un bilancio complessivo di venti vittorie, dieci pareggi e quattro sconfitte.

“La Gazzetta dello Sport” intitola così: “Estasi Milan”, “Campione dell'incredibile”, all'interno si legge “Il Diavolo in Paradiso”; “Tuttosport” apre con “Milan è tuo”, il “Corriere dello Sport” titola “Milan 16”; il mensile ufficiale “Forza Milan” riporta il titolo “Campioni” con l'esultanza di Zaccheroni sotto la curva rossonera.

Ecco il tabellino completo:
PERUGIA – MILAN 1 – 2
Reti: 11’ Guglielminpietro, 31' Bierhoff, 34' Nakata su rigore
PERUGIA: Mazzantini, Rivas, Campolo, Matercano (37' Ripa), Sogliano, Colonnello, Petrachi, Olive, Kaviedes (55' Bucchi), Nakata, Rapaic. Allenatore Boskov.
MILAN: Abbiati, Sala, Costacurta, Maldini, Helveg, Ambrosini, Albertini, Guglielminpietro, Boban (78' Leonardo), Bierhoff, Weah. Allenatore Alberto Zaccheroni.
Arbitro: Braschi.


Piergiorgio Danuol

Commenta l'articolo
(L'indirizzo e-mail non verrà visualizzato)

Dichiaro di accettare e aver preso atto dell'informativa resa sul trattamento dei miei dati personali



Tutti gli articoli di PierGiorgio Danuol
Juventus - Milan 2 - 1, le pagelle rossonere
Del 11 Marzo 2017
Donnarumma super, bene Deulofeu.
Le pagelle di Milan - Chievo 3 - 1
Del 05 Marzo 2017
Bacca il migliore, bene Sosa e Deulofeu
Campionato 2016-2017, Sassuolo - Milan 0 - 1
Del 03 Marzo 2017
Nono goal in campionato per Bacca
Campionato 2016-2017, Milan - Fiorentina 2 - 1
Del 25 Febbraio 2017
Prima rete in rossonero per Deulofeu
Mille volte Carletto!
Del 24 Febbraio 2017
Traguardo prestigioso per il nostro Carletto Ancelotti, mille panchine in carriera, da Reggio Emilia a Monaco di Baviera.
Le pagelle di Milan - Fiorentina 2 - 1
Del 20 Febbraio 2017
Kucka e Deulofeu i migliori, male Bacca
Campionato 2016-2017, Lazio - Milan 1 - 1
Del 15 Febbraio 2017
Sesta rete stagionale per Suso, quinto pareggio in campionato
Le pagelle di Lazio - Milan 1 - 1
Del 14 Febbraio 2017
Donnarumma e Suso salvano il Milan, ottimo ingresso di Sosa
Campionato 2016-2017, Bologna - Milan 0 - 1
Del 11 Febbraio 2017
Vittoria in nove contro undici, già sette espulsioni in campionato
Le pagelle di Bologna - Milan 0 - 1
Del 08 Febbraio 2017
Donnarumma il migliore, bene Deulofeu
Cerca