« Tutti gli articoli della categoria Tatticamente

Catania - Milan 1 - 3, alla faccia della crisi societaria

Del 03/12/2013 di


Catania - Milan 1 - 3, alla faccia della crisi societaria Vittoria dei rossoneri contro il Catania di De Canio. A segno Montolivo, KakĂ  e Balotelli su punizione. Il tutto mentre imperversa la tempesta in Casa Milan. L'analisi del match

Ci si aspettava il tracollo dopo tutto il caos delle ore precedenti: le falde dell'Etna come tappa cruciale di un cammino impervio, reso quasi impraticabile dalla lotta intestina in seno al club. Barbara Berlusconi contro Adriano Galliani e sullo sfondo il match in Sicilia. Vince il campo e vince il Milan, con prova autorevole sul Catania, sfortunato ma tutt’altro che meritevole di occupare l’ultimo posto della classifica. Noi di quanto stia accadendo in Casa Milan, la nuova sede del potere rossonero, non ci curiamo: analizziamo l’incontro che ha portato altri tre punti in cascina e che da continuità alla vittoria del Celtic Park.

Non era facile avere la meglio sulla squadra di De Canio, chiamato a soccorrere la causa catanese al posto di Maran: ottimo organico, di buon livello qualitativo, che paga lo scotto di avere qualche giocatore in versione opaca, vedi Maxi Lopez, attaccante ex rossonero, coinvolto suo malgrado nel teatrino di gossip che ha visto coinvolto anche l’interista Icardi. 3-5-2 lo schieramento scelto dall’allenatore voluto da Pulvirenti, con Rolin e Spolli a tenere a bada il nostro attacco, Monzon sulla sinistra, Plasil a fare da schermo centrale con Tachtsidis e Castro e Barrientos a supporto del suddetto Maxi Lopez.

Noi rispondiamo con un 4-3-2-1 con difesa improvvisata: Poli terzino causa assenza di Abate, Bonera e Silvestre centrali,al posto di Zapata squalificato e Mexes troppo “lampadato”. Linea di centrocampo che rivede Nocerino insieme a Montolivo e De Jong. Birsa-Kakà dietro Balotelli. Passano loro dopo pochi minuti con semi sciagura difensiva e improbabile tentativo di salvataggio di Bonera che spedisce in rete il pallone scagliato da Castro, beffando Gabriel. Il portiere brasiliano sostituiva Abbiati influenzato e ha regalato un’altra prova sicura e importante, perché i pali del Milan sembrano essere sigillati per gli anni a venire con l’esplosione del numero 59.

Dopo il goal subito non ci scomponiamo e, ripartita la macchina, troviamo il pareggio con Emanuelson in versione super finalmente, che scodella in mezzo uno dei tanti palloni serviti ai compagni, trovando Montolivo che con pregevole tocco di collo al volo insacca alle spalle di Andujar. Giochiamo bene, con qualche sbavatura in difesa, ma niente di paragonabile alle sciagure delle settimane precedenti: Silvestre e Bonera si trovano con il primo a uscire per respingere di testa tutto e il secondo bravo a coprire lo spazio in profondità. De Jong continua a stupire per durezza e qualità della copertura fornita e Nocerino e Montolivo sono liberi di giocare e contrastare la linea mediana catanese. Balo nel primo tempo sembra perso, anche perché la marcatura riservatagli da Rolin e Spolli aiutati da Peruzzi, è ruvida e puntuale, e il gioco di sponda per gli inserimenti di Kakà e Birsa non sempre funziona.

Ad inizio ripresa continuiamo ad attaccare, in una partita resasi più dura: tanti i contatti al limite vedi quello dell’ex Roma Tachtsidis che saluta anzitempo la sua squadra espulso per un calcione gratuito. La punizione di Balotelli e il goal di Kakà ci garantiscono la vittoria, ma quel che più giova all’ambiente è vedere che la squadra inizia a trovare una sua fisionomia. Emanuelson sulla sinistra garantisce spinta continua, e Poli terzino d’emergenza si rivela una mossa trovatissima. La copertura del centrocampo è ottimale, e i nostri trequartisti corrono e si propongono. Kakà sulla destra era apparso poco adatto, prediligendo partire da sinistra per accentrarsi e liberare il tiro: in questa nuova versione invece si sta riscoprendo ottimo cursore anche dalla destra, sfruttando il binario con Montolivo e le sovrapposizioni del terzino. Spazi aperti e corsa quasi dei bei tempi, con Balotelli che chiama fuori le marcature consentendo accelerazioni al compagno brasiliano.

Si segnala anche il ritorno del Faraone dopo 3 mesi di latitanza dal campo causa infortuni, e il tridente con Kakà e SuperMario finalmente si realizza, sebbene il giovane savonese sia ancora lontano dalla migliore condizione.

Parentesi finale dedicata a Balotelli: risponde sul campo con grinta e determinazione alle critiche piovutegli addosso in queste settimane. Sigilla su punizione una prestazione non da ricordare ma di sostanza, pragmatica. Rischia tanto e viene sostituito da Matri dopo l’acceso duello con Spolli, che tracima in un poco simpatico siparietto con lamentati insulti a sfondo razzista. Il labiale lascia intravedere qualcosa, troppo poco per dare un giudizio su un episodio così grave.

Troviamo i 3 punti, ritroviamo Balotelli: che si compia il destino societario.

Bravo Allegri nel tenere unita la squadra in quella che si può definire la svolta epocale in Casa Milan.

Andrea Frau

Commenta l'articolo
(L'indirizzo e-mail non verrà visualizzato)

Dichiaro di accettare e aver preso atto dell'informativa resa sul trattamento dei miei dati personali



Tutti gli articoli di
Tante idee, nessun risultato
Del 13 Marzo 2014
La sconfitta di Madrid ha svelato l´immensa mole di problemi del Milan: squadra senza costrutto, assente e priva di punti di riferimento. Una crisi di gioco spropositata che non ha lasciato scampo. Tutti sotto accusa, poco da difendere.
Sampdoria - Milan 0 - 2
Del 25 Febbraio 2014
Vittoria del Milan contro la Samp. In rete Taarabt e Rami che portano 3 punti importanti nella corsa all´Europa. La sconfitta agrodolce contro l´Atletico non sembra aver intaccato il morale dei nostri che conducono la partita e chiudono l´incontro. L´analisi del match.
Milan - Bologna 1 - 0
Del 17 Febbraio 2014
Vittoria sofferta dei rossoneri che trovano i tre punti grazie ad una perla di Balotelli. Ancora in ombra Honda e Kakà. L´analisi tattica del match.
Napoli - Milan 3 - 1
Del 12 Febbraio 2014
Qualcosa non torna in casa rossonera: esperimenti mal riusciti in match in cui da provare c´era poco. Giocatori fuori condizione; senza contare il divario tecnico e atletico palesatosi nella gara contro i partenopei. L´analisi della partita.
Cagliari - Milan 1 - 2
Del 29 Gennaio 2014
All´ultimo respiro: Balo su punizione e una zampata, nel vero senso della parola, di Pazzini regalano i tre punti ai rossoneri. Partita difficile che ha evidenziato qualche spunto di riflessione sullo stato attuale del Milan di Seedorf. E il mercato si muove.
Milan - Verona 1 - 0
Del 21 Gennaio 2014
Prima vittoria del Milan targato Seedorf. Balotelli su calcio di rigore decide il match contro il Verona. Prime indicazioni tattiche offerte dalla nuova direzione tecnica della panchina rossonera. Vediamo quali sono stati i primi accorgimenti.
Seedorf e la svolta tattica rossonera
Del 16 Gennaio 2014
Dall'esonero di Allegri all'arrivo di Clarence sulla panchina, cosa cambierĂ  sotto il profilo tattico
Seedorf e la svolta tattica rossonera
Del 15 Gennaio 2014
Dall´esonero di Allegri, al match odierno di Tassotti: l´esito finale sarà l´arrivo del numero 10 olandese per una rivoluzione a tutto tondo dell´orbita milanista. Vediamo cosa potrebbe cambiare sotto il profilo tattico.
Livorno - Milan 2 - 2
Del 10 Dicembre 2013
Super Balotelli salva i rossoneri contro il Livorno di Nicola. Partita divertente e ricca di colpi di scena. Un punto che non serve a nessuno e apre tante perplessità per il Milan, vista la prestazione di Zapata e Mexes. L´analisi del match.
Celtic - Milan 0 - 3
Del 27 Novembre 2013
Finalmente una vittoria. E che vittoria. 3 a 0 secco e senza poche ombre, un gioco corale finalmente all´altezza. Gli avversari non saranno stati i fenomeni che tremare il mondo fanno ma di questi tempi tutto fa brodo.
Cerca