« Tutti gli articoli della categoria Tatticamente

Milan - Verona 1 - 0

Del 21/01/2014 di


Milan - Verona 1 - 0 Prima vittoria del Milan targato Seedorf. Balotelli su calcio di rigore decide il match contro il Verona. Prime indicazioni tattiche offerte dalla nuova direzione tecnica della panchina rossonera. Vediamo quali sono stati i primi accorgimenti.

Buona la prima di Seedorf. Una vittoria significativa più sotto il profilo dei punti che sotto quello del gioco espresso, parso ancora titubante e balbettante. Non c’era da stupirsi: il Milan ha subito una radicale trasformazione passando da un accorto 4-3-2-1 o 4-3-1-2 passando ad uno spregiudicato modulo con tre trequartisti puri dietro Balotelli. Aggiustamenti in corsa e lavoro sodo saranno necessari per affinare il progetto di cambiamento e in attesa di altri risultati non possiamo far altro che osservare come il nuovo allenatore rossonero stia varando il proprio ideale di gioco. Il Verona, privo di pedine importanti, con Toni fuori e Jorginho appena passato al Napoli, si rivela squadra tutt’altro che facile da affrontare. Ordinata e precisa, si posiziona in campo con 9 uomini sotto la linea del pallone, con il solo Cacia a tentare azioni sporadiche di pressing per portare su la linea mediana, molto spesso schiacciata per chiudere ogni varco al nostro attacco. 4-5-1 sostanzialmente, con Gonzalez e Agostini esterni e Moras a guidare la coppia centrale. Cirigliano in marcatura a uomo su Kakà con Romulo interno di centrocampo: l’ex Fiorentina si rivela un incubo per la nostra linea mediana. Una partita fatta di corsa e grandi accelerazioni con continui strappi che non permettono un attimo di riposo ai nostri centrocampisti. Il motore del gioco dell’Hellas è proprio il mediano brasiliano che copre in difesa e riparte a testa bassa in velocità per sfruttare il diverso passo. Iturbe e Juanito si schierano larghi con il sopraccitato Cacia unica punta. Il “Messi Guaranì” crea non pochi problemi partendo da destra, con Emanuelson molto spesso puntato e superato. Grande proprietà tecnica ma qualche segno di inesperienza e scarsa malizia per un giocatore finito nell’orbita rossonera che potrebbe essere un ottimo rinforzo, perfetto per il nuovo modulo di Seedorf.

Il Professore sceglie di sposare da subito il proprio credo calcistico: 4-2-3-1 con terzini, De Sciglio ed Emanuelson, molto alti e in costante proiezione offensiva per allargare il campo. Bonera, poi Silvestre, e Zapata formano la coppia di difesa. Doppio pivot a centrocampo con De Jong e Montolivo a iniziare l’azione. Honda, Kakà e Binho a spartirsi la zona tra le linee di difesa e centrocampo del Verona per creare pericoli e imbeccare Balotelli.

Tanti scambi di palla, circolazione anche fin troppo elaborata: poche conclusioni ma pericolose verso la porta di Rafael. Il trio dietro Mario molto spesso tarda nelle scelte e Kakà non è di certo il giocatore dal passo celere che tutti ricorderanno correre nel verde prato di San Siro. Anche Honda appare un po’ spaesato, con Robinho unico, sebbene a corrente alternata, ad accendere la luce. Il Milan attacca, il Verona sornione aspetta e cerca di punire in contropiede. Qualche miglioramento in fase di palla inattiva con Balo molto spesso pronto a irrobustire la difesa allontanando i pericoli. Il match sembra inesorabilmente indirizzato verso un pareggio inutile: Seedorf cambia le carte in tavola, togliendo prima Honda per Birsa e poi inserendo Petagna, di ritorno dalla Samp, al posto di Robinho. Chiudiamo con un 4-2-4 pesante che porta più pericoli in area e maggiore fisicità. Il goal è un regalo offerto dalla difesa del Verona, tradita da un intervento scomposto su Kakà con palla ampiamente persa. Balo è glaciale e sigilla i tre punti.

Un piccolo passo, ma significativo, verso quello che sarà il futuro del Milan. Il lavoro di Seedorf è appena iniziato.

Andrea Frau

Commenta l'articolo
(L'indirizzo e-mail non verrà visualizzato)

Dichiaro di accettare e aver preso atto dell'informativa resa sul trattamento dei miei dati personali



Tutti gli articoli di
Tante idee, nessun risultato
Del 13 Marzo 2014
La sconfitta di Madrid ha svelato l´immensa mole di problemi del Milan: squadra senza costrutto, assente e priva di punti di riferimento. Una crisi di gioco spropositata che non ha lasciato scampo. Tutti sotto accusa, poco da difendere.
Sampdoria - Milan 0 - 2
Del 25 Febbraio 2014
Vittoria del Milan contro la Samp. In rete Taarabt e Rami che portano 3 punti importanti nella corsa all´Europa. La sconfitta agrodolce contro l´Atletico non sembra aver intaccato il morale dei nostri che conducono la partita e chiudono l´incontro. L´analisi del match.
Milan - Bologna 1 - 0
Del 17 Febbraio 2014
Vittoria sofferta dei rossoneri che trovano i tre punti grazie ad una perla di Balotelli. Ancora in ombra Honda e Kakà. L´analisi tattica del match.
Napoli - Milan 3 - 1
Del 12 Febbraio 2014
Qualcosa non torna in casa rossonera: esperimenti mal riusciti in match in cui da provare c´era poco. Giocatori fuori condizione; senza contare il divario tecnico e atletico palesatosi nella gara contro i partenopei. L´analisi della partita.
Cagliari - Milan 1 - 2
Del 29 Gennaio 2014
All´ultimo respiro: Balo su punizione e una zampata, nel vero senso della parola, di Pazzini regalano i tre punti ai rossoneri. Partita difficile che ha evidenziato qualche spunto di riflessione sullo stato attuale del Milan di Seedorf. E il mercato si muove.
Seedorf e la svolta tattica rossonera
Del 16 Gennaio 2014
Dall'esonero di Allegri all'arrivo di Clarence sulla panchina, cosa cambierĂ  sotto il profilo tattico
Seedorf e la svolta tattica rossonera
Del 15 Gennaio 2014
Dall´esonero di Allegri, al match odierno di Tassotti: l´esito finale sarà l´arrivo del numero 10 olandese per una rivoluzione a tutto tondo dell´orbita milanista. Vediamo cosa potrebbe cambiare sotto il profilo tattico.
Livorno - Milan 2 - 2
Del 10 Dicembre 2013
Super Balotelli salva i rossoneri contro il Livorno di Nicola. Partita divertente e ricca di colpi di scena. Un punto che non serve a nessuno e apre tante perplessità per il Milan, vista la prestazione di Zapata e Mexes. L´analisi del match.
Catania - Milan 1 - 3, alla faccia della crisi societaria
Del 03 Dicembre 2013
Vittoria dei rossoneri contro il Catania di De Canio. A segno Montolivo, KakĂ  e Balotelli su punizione. Il tutto mentre imperversa la tempesta in Casa Milan. L'analisi del match
Celtic - Milan 0 - 3
Del 27 Novembre 2013
Finalmente una vittoria. E che vittoria. 3 a 0 secco e senza poche ombre, un gioco corale finalmente all´altezza. Gli avversari non saranno stati i fenomeni che tremare il mondo fanno ma di questi tempi tutto fa brodo.
Cerca